finalista: MARIA CHIARA CARDINI

Nata il 05/01/1974 a Port Harcourt (Nigeria), risiede a Casalpusterlengo.
E-mail: kiakardini@yahoo.it
  • IMMAGINI

    1 - 2 - 3
QUESTIONARIO:

1. Perché hai deciso di partecipare a questo concorso?

Al di là della necessità di farmi conoscere, mi ha colpito la non usualità della vostra proposta e la possibilità di un lavoro collettivo volto alla realizzazione del manifesto per la Biennale. Cultura.

2. Per chi è utile l'arte?

Per tutti noi esseri umani. Cultura.

3. Cos’è la libertà di espressione?
a) quando il mondo gira davvero attorno a me a prescindere da come io mi esprima
b) quando mi chiamano 'artista' per come mi atteggio
c) quando ciò che ferma la mia espressione è solamente il suo esaurimento
d) quando la mia espressione finisce dove inizia quella degli altri
e) altro: la Possibilità. Cultura.

4. Come interpreti l’affermazione di Joseph Beuys: “Tutti sono artisti”?
Mi soffermo sulle parole "ogni uomo libero è un artista", e l'uomo libero è colui che agisce creativamente. Secondo Beuys la creatività è il mezzo attraverso cui l'energia, che noi tutti possediamo, riesce ad esprimersi. A rigor di logica quindi siamo tutti dei potenziali artisti. A me piace soffermarmi sull'idea che, se ogni nostro gesto quotidiano venisse compiuto sotto la spinta della creatività, esso diverrebbe un gesto artistico. Cultura.

5. Qual’è l’ultimo vernissage di un evento culturale al quale sei stato? Esprimi la tua opinione al riguardo.
Salone del mobile 2004, Milano, Triennale. Tanta gente era capitata lì solo per il buffet e c'era molta confusione. Le presentazioni non mi hanno veramente entusiasmata, mi aspettavo di più conoscendo la sede.

6. Il più speziato pettegolezzo dell’ambito culturale?
Ho le labbra cucite!

7. Cosa determina l’atteggiamento di un artista incline al successo?
a) La "corte" dalla quale è sostenuto; b) Se stesso; c) Cultura.

8. Chi mantiene l’artista?
Si mantiene attraverso il suo operato che interessa i suoi fruitori-collezionisti, le fondazioni artistiche, le scuole d'arte, gli enti pubblici che desiderano collaborare con esso... Cultura.

9. Chi ha sponsorizzato il tuo ultimo progetto (specifica le modalità)?
La Provincia di Milano attraverso il centro di formazione "Bauer" e con la collaborazione di Fabio Boni, Gabriele Basilico e Francesco Jodice. Cultura.

10. Quali sacrifici hai fatto e cosa faresti per raggiungere i tuoi obiettivi?
Compio ogni giorno sacrifici per realizzare le mie idee, il mio modo di essere, le mie ambizioni. Vivo. Cultura.

11. Le tue misure: altezza-peso / colore dei capelli-occhi / petto,seno-vita-fianchi.
1.73 cm-54 kg/castano chiaro-nocciola/84-60-89 circa. Culturista?!

12. Qual è la tua colonna sonora? Facci conoscere che tipo di musica preferisci.
La mia colonna sonora è lunga. Sotto al piatto e al lettore cd un enorme cassettone contiene musica che va da Marley a Mozart, passando per De André, Joplin's, Waits, Veloso, Tricky, Hoover Phonic, Armstrong, Montreux Jazz Festival, Nirvana, Cypress Hill, Jane's Addiction, Redbone, musica per balletto...ascolto molta musica e molto variegata. Basta che sia suonata creativamente (!) e mi porti quella famosa artisticità di cui si accennava prima. Cultura.

13. Quali sono le tue perversioni?
Un dualismo costante tra l°Øinsofferenza verso la specie alla quale appartengo ed allo stesso tempo un continuo tentativo per nobilitarla.

14. Sei mai andato da uno psicologo?
Si. Cultura.

15. Ti occupi di politica? Perché?
Certamente. Ho una responsabilità verso me stessa, verso l'ambiente in cui vivo, verso le idee che circolano. Il potere (quindi anche quello politico) determina la nostra vita, che lo si accetti o no. L'ignoranza non porta a molto, sempre che non si scelga l'annilichimento personale... ma a quel punto tanto vale suicidarsi. Io sono ancora qui. Cultura.

16. Uno slogan che ti rappresenta (va pubblicato sul manifesto).
NUOVISSIMA, STRANISSIMA, CHIARISSIMA!
CV
Istruzione:
1998-99: Laurea in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Milano, con tesi in Storia dell'Arte dal titolo Tina Modotti, votazione 106/110.
1991-92: Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lodi (1992-93 frequenza quinto anno integrativo).

Specializzazioni:
2001-03: Corso di Assistente Fotografo Serale del presso il Centro Formazione Professionale R. Bauer di Milano (ex Umanitaria).
Agosto 2000: Workshop con il fotografo olandese Machiel Botman, organizzato dal Toscana Photographic Workshop.
1998-99: Corso di Fotografo ad indirizzo editoriale indetto dalla Regione Lombardia.

Esperienze lavorative durante gli anni universitari:
Tirocinio presso l’incisore Franchina Tresoldi, Lodi.
Partecipazione al cortometraggio Incontri, effetto perturbante di Cristian Zerbini e Giuseppe Provveduto.
Partecipazione al videoclip L'angelo custode del cantautore Luca Barbarossa, per la regia di Marco Casale.

Esperienze professionali:
Dalla fine dell’Ottobre2002 assistente dell’autore Giuseppe Pino, Milano. Lavoro inoltre come free-lance dedicandomi alla fotografia di Ritratto, Spettacolo e Ricerca artistica.
Gennaio2002-Ottobre2002: Impiego presso l’Archivio storico fotografico dell’Alfa Romeo, eseguendo attività di scansione immagini, fotoritocco, masterizzazione, archiviazione e schedatura dei documenti.
Settembre2001-Aprile2002: Assistente del fotografo Nicola Zocchi, Milano
Marzo-Giugno 2000: Docente di Discipline Pittoriche presso il Liceo Artistico Statale di Lodi.

Esposizioni:
20 giugno 2003: Il Viaggio, Centro di Formazione Professionale R. Bauer, Milano.
24 novembre 2001: N°DD 9956690,personale, spazio Estro, via fontana 4, Chiasso (Svizzera).
25 giugno 1997: Progetto Orestea, Accademia di Belle Arti di Brera, a cura di Paolo Baratella, Milano.


Pubblicazioni:
Free Milano Magazine, (anno III n.12, gennaio 2002 Ed. Media Up srl, Milano).
Arti d'Oriente, (anno II n.10, gennaio 2000 Luni Editrice).

Lingue straniere:
Ottima conoscenza della lingua francese parlata e scritta. Conoscenza della lingua inglese a livello scolastico.

Conoscenze informatiche:
Photoshop7 (sia Mac sia Pc).

Interessi:
Cinema, Cucina, Lettura…e tutto ciò che può dare stimolo alla mente di una persona che si occupa d’immagine e cultura.