LUCA NEGRO

Nato il 06/01/1978 a Savona, risiede ad Albisola Superiore.
E-mail: noiagg@hotmail.com
  • IMMAGINI

    1 - 2 - 3
QUESTIONARIO:

1. Perché hai deciso di partecipare a questo concorso?

Mi sembra un ottima opportunità per esprimermi e per promuovermi, e per far conoscere a gli altri la mia arte. Credo di avere con gli anni creato e vissuto un mio stile ed una maturazione artistica tale da poter affrontare con entusiasmo e professionalità un'esperienza come questo concorso.

2. Per chi è utile l'arte?
L'arte è utile allo spirito, è la più nobile espressione di noi esseri umani, l'arte è utile a chiunque ne sa trarre profitto sia in senso spirituale che in senso materiale anche se la prima è l'unica bellezza.

3. Cos‚è la libertà di espressione?
Sono d'accordo con l'affermazione da voi suggerita: "quando il mondo gira davvero attorno a me a prescindere da come io mi esprima", ma anche la possibilità di potersi esprimere senza condizionamenti.

4. Come interpreti l‚affermazione di Joseph Beuys: "Tutti sono artisti"?
Ognuno è artista nel momento che esprime qualcosa con un metodo proprio, con un proprio filtro. Non necessariamente si tratta di pittura musica o qualsivoglia altra tipologia artistica, uno può essere artista anche usando parole o termini propri in un gruppo di persone, (solitamente poi tutti fanno queste espressioni come proprie), quello che è importante è che vi sia costanza e soprattutto ripetizione di quella tipologia di arte qualunque essa sia. E‚ anche vero che una persona che fa un quadro una sola volta nella vita ha pur sempre espresso la sua arte, potenzialmente siamo tutti artisti, sta solo decidere se e come esprimerci, poi c‚è chi è più bravo, chi più vendibile, chi più "paraculato" etc. ma questi sono altri discorsi.

5. Qual‚è l‚ultimo vernissage di un evento culturale al quale sei stato? Esprimi la tua opinione al riguardo
Vivendo a pochi km da Genova ho assistito ad alcune mostre nell'ambito di GeNova 04 capitale europea della cultura, l'ultima mostra visitata riguardava l'arte nell'architettura dai primi del '900 ai giorni nostri.
Di come i vari movimenti artistici hanno influenzato le opere di architettura da quelle concrete a quelle solamente abbozzate e mai realizzate, il percorso della mostra svoltasi nella splendida cornice del Palazzo Ducale di Genova, era diviso in due grandi sezioni, la prima dall'inizio del secolo scorso fino al circa la metà degli anni sessanta, la seconda parte dalla metà degli anni sessanta fino ai giorni nostri, inoltre circa una ventina di installazioni sono state montate sparse in vari punti della città, ed era particolarmente interessante vedere la reazione della gente comune rispetto alle opere stesse, la loro reazione favorevole-compiacente o contraria-infastidita che fosse era comunque fonte di stimolo a chiunque l'avesse incontrate e credo che questo sia stato uno degli scopi principali degli organizzatori.
Personalmente sono rimasto molto affascinato dal notare come l'architettura e l'arte figurativa siano riuscite e riescano ad andare "a braccetto" e l'una ad influenzare l'altra come fossero due espressioni differenti di uno stesso spirito artistico culturale. Ho trovato la mostra molto stimolante!

6. Il più speziato pettegolezzo dell‚ambito culturale?
I più speziati pettegolezzi si trovano su quei canali televisivi dove alcuni galleristi vendono opere supercondite.

7. Cosa determina l‚atteggiamento di un artista incline al successo?
Il credere in ciò che fa e in ciò che crede di essere, sapere sostenere "il personaggio" che si è costruito, la determinazione nel proprio lavoro, uno stile o una tecnica che lo renda riconoscibile, la capacità di sapersi vendere, le giuste conoscenze, la passione.

8. Chi mantiene l‚artista?
Il mercato, il pubblico, i media.

9. Chi ha sponsorizzato il tuo ultimo progetto (specifica le modalità)?
Non ho mai ricevuto sponsorizzazioni finora. Sto lavorando ad una mostra fotografica in bianco e nero su un percorso di circa 50 Km di strada in Liguria, questo percorso è diviso in 5 sezioni differenti, una con le foto originali, una con quelle filtrate, una con nelle foto inseriti gli hominis, poi una sezione di foto circa il ritorno dal percorso con le luci della sera questa volta, ed infine alcune immagini del retroscena (quelle che ho scartato). Sto attualmente muovendomi per cercare una sponsorizzazione alla realizzazione pratica della mostra, districandomi, tra studi e lavoro spero di trovarla a breve termine.

10. Quali sacrifici hai fatto e cosa faresti per raggiungere i tuoi obiettivi?
Un grande sacrificio è conformarsi al sistema dell'arte stesso, un sacrificio con cui mi sono e mi sto battendo è vivere la mia diversità o assurdità secondo una ristretta mentalità di provincia l'esser e il fare cose diverse dalla norma è comunque un sacrificio, e nonostante non sia un grande sforzo per me, comporta il rinunciare a conformarsi ad un sistema di atteggiamenti e di abitudini il quale mi renderebbe la vita sicuramente più facile, in provincia o in luoghi di mentalità piuttosto ristrette o poco inclini ai cambiamenti, l'esser diversi spaventa gli altri.
Farei qualunque cosa per raggiungere i miei obbiettivi purché la mia morale me lo consenta.

11. Le tue misure: altezza-peso / colore dei capelli-occhi / petto,seno-vita-fianchi
1,74 cm altezza, peso 64 kg, sono castano occhi e capelli
90 cm fianchi e petto 77cm di vita

12. Qual è la tua colonna sonora? Facci conoscere che tipo di musica preferisci.
La mia colonna sonora: anche riguardo al obbiettivo della selezione è:
Please, please, please let me get what I want (The Smiths)
Adoro: Dire Straits, Lou Reed e Velvet Underground, The Smiths, Pink Floyd e Syd barrett, Bob Marley, DeAndrè.

13. Quali sono le tue perversioni?
Un po‚ feticista di alcuni particolari non sempre uguali, mi piacciono le belle mani nelle donne, desidero fare del sesso con una donna in modi non sempre concessi.

14. Sei mai andato da uno psicologo?
No, ma lo farei con estrema tranquillità ed interesse.

15. Ti occupi di politica? Perché?
Non mi occupo di politica e non per cinismo, ma perché ho visto troppa gente convinta di determinate idee cambiar bandiera all'occorrenza e al proprio interesse. Non ho mai sentito la necessità di occuparmene, e ciò che ho visto mi ha sempre scoraggiato, lo considero un ambiente troppo corrotto.

16. Uno slogan che ti rappresenta (va pubblicato sul manifesto).
Credo che sia importante definire brevemente che tipo di arte faccio, per contestualizzare correttamente lo slogan che altrimenti potrebbe apparire privo di significato.
La mia espressione artistica si basa soprattutto sulla creazione e sulla manipolazione in diverse espressioni de gli hominis, questi sono la mia arte, sono un logotipo il quale permette con facilità la riconoscibilità delle opere che faccio, sono il mezzo con cui posso esprimere la mia fantasia, con cui posso rappresentare una miriade di situazioni di differenti "frames" sociali; loro stanno a rappresentare come ben si può immaginare noi esseri umani con tutti i nostri impegni, sogni, modi di fare e di essere, di gesticolare, ecco gli hominis non rappresentano un tipo di essere umano in particolare ma essi stanno a indicarli tutti nel momento che una persona compie un gesto o un modo di essere che è rappresentato dagli hominis in quel momento.
Forse vi risultera difficile comprendere di cosa si tratta senza avere la possibilità di vedere visivamente alcune mie opere ma ritengo che la descrizione che vi ho fatto si abbastanza efficace a rendere l‚idea o almeno lo spero.
Visto questo utilizzerei uno slogan come: The hominis man
o solamente: hominis
Ma indubbiamente molto dipende poi da tanti fattori, se venissi selezionato uno slogan efficace mi verrà sicuramente fuori nel momento che comincio a concretizzare meglio l'idea dell'evolversi di questo progetto.
CV

Cominciamo dagli studi
mi sono diplomato perito elettronico e in telecomunicazioni due anni fa dopo che avevo lasciato gli studi (che non mi piacevano in quel campo) per un periodo di circa cinque anni.
Lo scorso anno mi sono iscritto all'università al corso di scienze della comunicazione, ho frequentato e completato tutti gli esami del primo anno con ottimi risultati e con uno stimolo crescente di interesse sulle materie studiate, attualmente frequento il secondo anno e tutto sembra andare per il meglio.
Ritengo che affrontare l'università ora ad un età più matura e consapevole mi aiuta tantissimo ad apprezzarne e a coglierne la grande opportunità formativa che mi offre rispetto a quella che avrei potuto affrontare anni prima e conoscendomi so che mi sarei perso dietro a qualche cosa di esterna all'università stessa. Inoltre ora riesco anche grazie ad essa ad esprimermi meglio e ad essere molto più consapevole di importanti fattori importanti nella vita.
Parlando di esperienze lavorative
posso affermare di averne fatte molte e diversificate a cominciare dal giugno 1996 le quali mi hanno lasciato una buona preparazione soprattutto a contatto con il pubblico, una buona capacità di adattamento e di organizzazione nonché un ottima flessibilità.
Eccone alcune di esse
apprendista in un industria di caminetti prefabbricati '96 pony express '96.
Ho lavorato un anno come apprendista falegname presso la ditta B. Raso di Albissola Mare e presso la N. Magrini Galileo dove lavoravamo in appalto '97.
Un'altra esperienza del genere l'ho avuta presso la Nuova F.I.A.M. legnami di Savona come magazziniere '01.
Il campo dove ho acquisito una maggiore esperienza è quello alberghiero e dei servizi, ho lavorato a cominciare dal housekeeping fino ad arrivare ad essere responsabile dei bars di un locale, imparando con passione mansioni come gestione ordini, gestione personale e fornitori, inventario magazzino etc.
Ho lavorato all'estero a Londra '98 per quattro mesi, a Perth '00 nel Western Australia e ad Anversa presso casa Azzurri durante l'europei di calcio nel 2000. Queste esperienze mi hanno permesso di perfezionare la mia conoscenza della lingua inglese.
Durante questi anni o fatto stagioni, molti servizi e collaborazioni in diversi rinomati locali, ristoranti e hotel tra i quali: hotel Sheraton (GE), Claudio Bergeggi, Gianni ai pescatori Albissola.
primo Barman "Sul fronte del Porto" palazzo Milo porto antico (GE), Sole Luna discobeach, Sms cafè Albisola, S.ta Caterina Varazze, Bolero (Gaudì) Celle Ligure.
Ho maturato anche esperienze come manutentore Yacht, cambusa e servizi vari presso "Lucky II".
Viareggio, ed anche un periodo di stage sulle navi Grimaldi.
Ho gestito un punto noleggio stagionale di veicoli elettrici (tipo golf) ad Albisola '03 su incarico della ditta F.E.R.A. con la quale ho anche collaborato ad installare anemometri (misuratori dell‚intensità del vento) in vari luoghi nel nord Italia.
Nel maggio '04 ho lavorato tre mesi in un negozio di articoli "fai da te", ho ripetuto la stagione noleggio veicoli elettrici, e attualmente lavoro da tre mesi in una cooperativa di facchinaggio, (principalmente scarico/carico bagagli sulle navi Costa), essendo saltuario come lavoro mi permette di riuscire sia con gli studi che lavorativamente a guadagnarmi da vivere.
La conseguenza di tutte queste mie esperienze che se volete potrò elencarvi più dettagliatamente, credo che sia utile a dimostrarvi una mia continua ricerca, un gran voglia di trovarmi in situazioni e ambiti di lavoro diversi, una mia grande capacità di osservare e di ricavare stimoli artistici, infatti sono maturato artisticamente anche grazie a queste a cominciare da semplici scarabocchi fino ad arrivare alla definizione degli hominis che sono la traduzione artistica di questo mio travagliato ma interessante percorso, potrei definire talvolta la mia arte un po‚ sociologica, gli hominis come dicevo sulla spiegazione del possibile slogan, sono gli esseri umani nei loro gesti nel momento che li compiono, sono sempre più convinto che il mio percorso di vita sia sempre più legato all'essere una profonda base, su cui costruire l'artista che sono.
Passioni e interessi
mia grande passione oltre all'arte è la fotografia, un semplice corso di base sulle tecniche fotografiche fatto da adolescente mi ha indirizzato ad una continua pratica, l'aver girato qua e la per il mondo (ogni volta che guadagnavo soldi con un lavoro spendevo questi a vivere in diverse parti del mondo), sono stato in Ecuador, Messico, Guatemala, Australia, Malesia, Singapore, Egitto, Spagna, etc. mi ha continuamente stimolato a catturare immagini, ma anche ad osservare la gente e i luoghi tutto questo come dicevo per i lavori è stato ed è parte delle mie opere fotografiche o pittoriche che siano.
Sono poi appassionato di computer graphic e so usare bene i programmi correlati ad essa, mi piace leggere, e mi piace molto fin dall'infanzia la geografia.
Ho personalmente costruito il mio sito internet www.hominis.info lo scorso anno ma non l'ho più aggiornato, effettivamente li potrete vedere molte Opere, utili per capire il mio tipo di arte, ma vi prego di non dare troppa importanza ai contenuti è pur sempre in fase di sperimentazione ed è da molto tempo che un po‚ per pigrizia un po‚ per mancanza di tempo non ho più curato, ma ci sto sempre lavorando.