PAOLA VOLPATO
Nato il 21/01/1953 a Mirano (VE), risiede a Noale.
E-mail: paolavolpato@libero.it
  • IMMAGINI

    1 - 2 - 3
QUESTIONARIO:

1. Perché hai deciso di partecipare a questo concorso?

Ho deciso di partecipare perché rientra nelle mie sfide ... entrare nelle cose prendendole per la coda e infatti l'ho saputo all'ultimo navigando in internet . Dunque una sfida all'ultimo rischio senza sapere se davvero tutta la tua fatica servirà a qualcosa e soprattutto se arriverà alla soglia di accesso. E infatti ho fatto tutto in pochissimo tempo e poi i miei allegati tornavano indietro ... troppo piena la vostra casella di posta?

2. Per chi è utile l'arte?
l'arte è utile per chi la fa soprattutto e per chi facendola gode quella degli altri e il suo è un punto di vista privilegiato perché sensibile a 360 gradi .. allenato e si spera con una capacità di percezione muscolosa

3. Cos'è la libertà di espressione?
a) quando il mondo gira davvero attorno a me a prescindere da come io mi esprima
b) quando mi chiamano 'artista' per come mi atteggio
c) quando ciò che ferma la mia espressione è solamente il suo esaurimento
d) quando la mia espressione finisce dove inizia quella degli altri
e) altro
quando io capisco davvero qualcosa di forte in sé allora si manifesta con la libertà di quella forza stessa e si può esprimerla senza barriere perché quella è più forte di queste

4. Come interpreti l'affermazione di Joseph Beuys: "Tutti sono artisti"?
ognuno costruisce un nido di mondo nel mondo e quello è una forma di creazione ..da ciò che non c'era... Ma c'è chi vi si adatta subito e chi lo deve ricostruire ogni momento perché ha un caratteraccio inquieto e insaziabile di imput o di desideri di qualcosa che non c'è ancora.

5. Qual'è l'ultimo vernissage di un evento culturale al quale sei stato? Esprimi la tua opinione al riguardo
sono stata all'inaugurazione di due artisti in carriera con i loro galleristi e con belle prospettive in america... in un bel palazzo patrizio veneziano e ho proprio goduto tutti gli angoli della casa compresa la biblioteca inglese e la terrazza sul canal grande con trifora e luna piazzata. Mi sembrava di essere a casa mia. - Quando sogno son desto

6. Il più speziato pettegolezzo dell'ambito culturale?
Che la figlia di una celebrità è spesso una celebrità? Che la falsità è una scienza esatta?

7. Cosa determina l'atteggiamento di un artista incline al successo?
La compostezza e fermezza interiore difronte alle cose, a fronte di una brillante mente di parole ma soprattutto di pensieri poiché basta pensarli a volte (vi è una percezione lo stesso<) una capacità di gentilezza almeno formale, meglio se sostanziale.: si percepisce la luminosità interna di una persona, ma i più percepiscono il suo successo quando altri glielo riconoscono. Se io non mi credo nessuno e mi dimentico ciò che ho appena fatto e che mi è costato mesi di lavoro e un sacco di scoperte miie e che ora lascio alle mie palle in così breve volgere del giorno Dunque la faccia deve invece essere quella di prima anche se lui pensa che non è più abbastanza... per questo è necessaria la compostezza formale e il piè fermo.... la timidezza è accolta solo se arriva ad essere un po' snob. Più di tutto credo vedo funzionare la risposta fulminante e forse (per chi la capisce)intelligente , magari il semplice silenzio ma non la sprovvedutezza e l'ingenua freschezza primigenia , ma forse mi riferisco a quei parties in cui si vedono persone contente nel loro momentaneo perimetro aautoreferenziale splendide e grondanti di sorrisi poco democratici per lo più verso tutto ciò che non sta lì dentro o più in alto .. E' in quesi momenti che l'artista deve brillare di luce propria e creare il modo per tirarsene fuori in modo degno..Per quanto mi riguarda io potrei sentirmi allenata in quanto adotto lo stesso sistema di quando nella sala di attesa del reparto radiografia preventiva mammelle- le signore mi guardano con ammirazione per i miei abiti neri e la mia postura da ballerina classica .La fase aquariana avanza ed io ci sono nata e per questo ovviamente non riesco a far bene quel lavoro di snobbare e far sentire inferiore il prossimo .alòmeno così io credo di fare... ma proprio penso che anche questo può essere deficinetismo ovvero insinuante per il prossimo cosicché sto già cercando di togliermi questa autocensura, aumentando di verità e diminuendo di tensione ecumenica

8. Chi mantiene l'artista?
Un lavoro parallelo,un mecenate o più,(?) un gallerista, l'amante (mai coverto per senso di orgoglio feroce ), la famiglia e/o......... la morigeratezza di consumi e di cibo e rifacendosi magari alle varie inaugurazioni e vernissage.

9. Chi ha sponsorizzato il tuo ultimo progetto (specifica le modalità)?
Un vecchio amico che è diventato dirigente di associazionismi e che nell'arte si lascia andare - più che alla comprensione della qualità delle opere - alla sua fulminea intuizione sensitiva dell'artista e dell'aria che tira.. lui pare sentire una buona aria intorno a me.

10. Quali sacrifici hai fatto e cosa faresti per raggiungere i tuoi obiettivi?
Ho lavorato da vent'anni tante volte anche di notte poiché di giorno dovevo lavorare in altro lavoro ( anche interessante ) per contribuire a mantenere i miei numerosi figli. Ho dipinto e lavorato durante le gravidanze e fatto mostre con i vari pancioni e ho ritagliato il tempo dello studio e della pratica in tutti i momenti e con l'occhio sempre all'erta come un uccello rapace, un vampiro che cerca nutrimento per sopravvivere o meglio ancora -dato il mio stato di mater - :una piccola ape instancabile e robusta

11. Le tue misure: altezza-peso / colore dei capelli-occhi / petto,seno-vita-fianchi
Sono alta 1,69 peso 65 chili capelli castano scuri, occhi castano scuri ; petto ecc.: 102-80-102

12. Qual è la tua colonna sonora? Facci conoscere che tipo di musica preferisci.
Mi piace la musica ! da piccola l'ho studiata intensamente .Ne ascolto continuamente,e diversa.. dalla musica etnica alla hip hop alla lirica e se guardo nel mio portacidì in auto c'è un cd di bach interpretato da glenn gould, Messiaen, la callas in vari brani di opera, ma anche canzoni e ritmi arabi e turchi, africani e un cd con rava e bollani , betsie smith Billie Holliday, laurie anderson e per patty smith, un cd di Moby, uno di Brian eno e uno di dido di mia figlia : Allora dunque potrei capire come rispondere se mi riformulassi la domanda così: quale musica metteresti a commentare le tue opere? Metterei una musica che nasce da rumori come quella dei Matmos (hanno affiancato a suo tempo BjorK) : musica da suoni comuni anche di strada ovvero come attivare la bellezza dal suono quotidiano degli oggetti . è quello che fa spesso la pittura recente... ma l'esito, come piace a me deve ricostruire un ordine morbido, un mistero un po' avvolgente- Ecco la colonna sonora potrebbe essere : Matmos - 04 - Template Slush Of Amplified Sy

13. Quali sono le tue perversioni?
Sono piuttosto di natura intellettuale del tipo Farmi cogliere in difetto di attenzione.. di tante cose superflue non mi interesso e mi induco in errori banali ed evidenti di disattenzione, farmi prendere in castagna per il gusto di infantile leggerezza verso chi si prende troppo sul serio desiderio irrefrenabile talvolta di andare un po' in contropelo posso farmi passare per una persona che non ci sta con la testa e che fa domande cui tutti sanno rispondere.. ma a me piace sentire... la voce, anche sentire il tipo di risposta diversa, anche il tono talvolta è interessante, anche il sorriso mi piace formare sul volto.. di superiorità : è curioso piuttosto che niente.. Chi mi vede però non ci casca così facilmente

14. Sei mai andato da uno psicologo?
No perché se li frequenti li eviti

15. Ti occupi di politica? Perché?
Mi sono occupata attivamente anni fa e sono ancora abbastanza schierata: più contro la prevaricazione e la prepotenza e la avidità che contro gli avidi, i prepotenti e i prevaricatori perché non sono una categoria così perfetta e coerente .. si interviene laddove e nel momneno che ...una forma più strategica la vedo utile nella attenzione ad una economia alternativa e rivolta alla rianimazione del cosiddetto terzomondo

16. Uno slogan che ti rappresenta (va pubblicato sul manifesto).
Ve ne do' più di uno :
Nessuna vita è sferica (E:Dickinson)
Essere è un mito (mio)
Ho per la vita l'interesse di un decifratore di sciarade (Pessoa)
The spider holds a Silver ball di nulla in nulla avanza col suo lavoro immateriale Gli basta un'ora ad innalzare teorie di luce (E.Dickinson)
Io vivo nella possibilità (ED)
AVREI potuto essere immortale (mio)
Ogni limite ha una pazienza (mio)
Sono tutti titoli di opere per lo più in corso . (a volto parto dai titoli)
Mi è piaciuto parlare con voi ma ecco qui :vedo che penso subito al fare : amo lavorare all'opera, all'oggetto e non solo dunque all'apparire....che è però quello che proprio mi mancherebbe!
CV
Dopo gli studi classici e la laurea frequenta l'Accademia di Belle Arti di Venezia Scuola Libera del Nudo, la Scuola Internazionale di Grafica, seguendo corsi di tecniche sperimentali dei pittori R. Licata e V. Basaglia, stages di fotografia al Centro Donna con V.Monselles, M.P.Miani, corsi di elaborazioni di immagini digitali al Museo Fortuny di Venezia con April Greiman.
Prime personali alla Bevilacqua La Masa esponendo poi in varie città italiane tra cui Milano, Roma, Venezia, Bologna ed in città estere quali Buenos Aires, S. Paulo do Brasil, negli Usa a New York, alla Frostburg State University in Maryland.
Sue opere si trovano al Museo Arte Moderna di Vladimir ( Mosca ), alla Frostburg State University , alla Casa Comunale d' Arte di Ebene Rechenau in Austria, all' Università di Norfolk-Virginia.
Ha realizzato affreschi in abitazioni private e pubbliche.
Vince nel 1985 il premio di poesia "I poeti intorno al Mondo" promosso da "Il Gazzettino
Sue poesie vengono pubblicate su Ed. del Leone, rivista Venezia 7, Lunario Nuovo di Sicilia, Ed. antologica Comune di Noale "Noale tra poesia e disegno".
Ha svolto attività di designer e grafica realizzando collezioni di tessuti da arredamento per prestigiose aziende del settore, progetti per industrie vetrarie di Murano, per aziende produttrici di tappeti e complementi di arredo.
Ha realizzato disegni per manifesti, illustrazioni di libri e calendari d'arte.
Ha tenuto corsi di tecniche artistiche per bambini ed insegnanti
Recensioni su
Flash Art,, Istar, Lunario Nuovo di Sicilia,Ore d'Arte Milano, Casa Vogue, La mia Casa, Interni, Casa Viva. Venezia Sette,La Nuova Venezia, il Gazzettino di Venezia, Il Giornale di Vicenza, Tessiner Zeitung, .
Interviste
Televisive :EuroTv-Roma, Rai Tre
Intervistata da A.Barina per la rivista Istar su"Immaginario ed ed evento",intevista su Venezia Sette - suppl. speciale Poesia.
Documentazione e opere :
Kunsthistorisches Institut in Florenz, Archivio Storico della Biennale di Venezia,
Opere in collezione permanente : Museo Arte Moderna di Vladimir ( Mosca ), Frostburg State University, Casa Comunale d' Arte di Ebene Rechenau, Austria, all' Università di Norfolk-Virginia.
E' inserita ne
"Il Chi è dell'arte italiana del '900" ed. Mondadori, in Art Diary ed.GC.Politi-Milano, nel "Censimento Artisti Triveneti" ed. Arte Triveneta, ne "Le Colonete" ed. Rebellato, nel catalogo edito dalla Galleria Fondazione Bevilacqua La Masa, catalogo Arte Expo Udine, nel libro fotografico "I luoghi dello sguardo" ed. C. Donna - Comune di Venezia. Nel catalogo "Poeti intorno al mondo" Ed del Leone
Hanno scritto di lei:
Vittorio Basaglia, Enzo Di Martino, Mario Stefani, Salvatore Maugeri, Ivo Prandin, Paolo Rizzi, Assunta Cuozzo, Antonella Barina, Maria Grazia Lizza, Marco Mantovan, Verita Monselles, Lucio Trabucco, Laura Facchinelli, Marina Berti, S. Bagno, Teresa Magno, T. Manera, Primo Cagnin, Giulio Gasparotti, Lidia Mazzetto, Domenico Crivellari, Dino Manzelli, Martina Galuppo, Giovanna Grossato, Emanuele Horodiceanu.
E' nei siti internet:
arte.tiscali.it, piziarte.net, nautilus.inews.it, db.frostburg.edu/news, villaquerini.com, teknemedia.net, marcofontana.net.
sito: www.paolavolpato.it