c a s T i N g
è un gruppo di artisti che opera a Venezia che ha dato vita ad un concorso per artisti visivi chiamato, per l’appunto, c a s T i N g.
Il progetto c a s T i N g comporta la selezione di uno o più artisti visivi adatti ad essere pubblicizzati attraverso manifesti appesi sui muri di Venezia durante il vernissage della Biennale 2005. La promozione riguarderà la persona dell'artista, che sarà messa in mostra al posto dell’opera.
Il processo di selezione è modellato su procedimenti tipici di programmi televisivi di successo, si tratta, infatti, di un vero e proprio casting dove i candidati verranno valutati secondo personalità, aspetto e attitudine a stabilire relazioni interpersonali efficaci: qualità utili a chi aspiri a intraprendere la carriera dell’artista di successo.
Il progetto c a s T i N g si pone come una riflessione sulla promozione dell’artista nel sistema dell’arte contemporanea e mira ad evidenziare i limiti di tale strategia. Se un personaggio appartenente al mondo dello spettacolo può puntare quasi esclusivamente sulla propria immagine e sulla mediatizzazione della propria persona al fine di ottenere successo, questo può avvenire per l’artista visivo? In altre parole qual’è il peso e il valore dell’opera? Qual’è il ruolo effettivo dell’artista nella società contemporanea? Cosa lo caratterizza? Per rispondere a queste e ad altre domande intendiamo offrire alta visibilità alla persona di un artista visivo in assenza della sua opera, attraverso l’utilizzo di strategie promozionali tipiche del sistema mediatico. Sappiamo quanto sia utile oggi, per l’artista, la capacità di intrattenere le giuste relazioni interpersonali, siamo consapevoli di quanto conti ottenere visibilità e attenzione dai mezzi di comunicazione, ma non ignoriamo come quest’aspetto, in alcuni casi molto evidente, porti spesso a considerazioni superficiali che puntano il dito contro una presunta degenerazione del sistema dell’arte verso strategie di successo assimilabili a quelle più tipiche dell’industria culturale.
c a s T i N g, attraverso la selezione e la promozione di un artista sulla base di personalità ed apparenza estetica, evidenzia ed eccede il lato mediatico del sistema dell’arte contemporanea per portarlo, ironicamente, al paradosso della sparizione dell’opera.

c a s T i N g

Mara Ambrozic ::: Nemanja Cvijanovic ::: Anna Longo ::: Lucia Maggio
Natasa Radovic ::: Max Seibald ::: Veronica Voltolina ::: Thanos Zakopoulos